Il 30 gennaio siamo partiti da Quepos diretti a Puntarenas, dove avevamo programmato di lasciare la barca in un porto turistico per circa un mese, per esplorare gli interni del nord del Costa Rica e del sud del Nicaragua. Dato che si trattava di un viaggio di 65 miglia, abbiamo deciso di suddividerlo in due fasi trascorrendo una notte a Playa Manta, subito dopo Punta Leona.

30/01/2019 17.27.05 DMC-FZ200

30 gennaio – Punta Leona

Puntarenas è una città adagiata su una striscia di sabbia di 4 miglia, circondata da un lato dall'oceano aperto e dall'altro da una baia stretta con acque abbastanza basse. Gli unici due porti turistici che sono stati costruiti nella zona sono posti verso la fine della baia, quindi è necessario navigare nelle acque basse con l'aiuto di un pilota che sa dribblare i banchi di sabbia. Ancora più importante, è sicuro navigare nelle acque poco profonde circa un'ora prima del culmine della marea, per avere la possibilità di liberarsi nel caso in cui rimani bloccato in un banco di sabbia. Dei due porti turistici disponibili abbiamo prenotato Puerto Azul, in quanto sono gli unici ad avere strutture di attracco. Forniscono un servizio pilota per guidarvi nei bassi fondali della baia, quindi fissiamo un appuntamento alle 10.30 al faro di Puntarenas, circa un'ora prima dell'alta marea. Dopo circa mezz'ora di navigazione siamo riusciti ad ormeggiare alla loro banchina con alcune manovre impegnative a causa delle correnti di marea.

31-01-2019 10.35.38 DMC-FZ200

31 gennaio – Avvicinamento all'ingresso della baia di Puntarenas

31-01-2019 10.56.14 DMC-FZ200

31 gennaio – Pilota che ci guida a Marina Puerto Azul

Quando siamo arrivati, siamo stati rassicurati dal comandante del molo che la profondità dello scivolo in cui abbiamo attraccato era sufficiente per resistere alla marea più bassa possibile (infatti, l'escursione di marea non è la stessa ogni giorno, ma cambia a seconda della Luna – Terra configurazione). Sorpresa sorpresa, la mattina del secondo giorno che eravamo lì, abbiamo trovato Zoe a 50 cm fuori dall'acqua. Dato che l'escursione di marea avrebbe peggiorato la situazione nei giorni successivi, abbiamo subito chiesto al comandante di porto di fornirci una soluzione alternativa. Dopo alcune consultazioni, ci hanno proposto di spostarci in un altro scivolo dove avrebbero pompato via la sabbia dal fondo con l'uso di una pompa elettrica. Ci siamo presto resi conto che non avevano l'attrezzatura giusta né la motivazione per risolvere il problema. Hanno aspettato fino al primo pomeriggio per iniziare le operazioni, poiché quella era l'ora in cui la marea sarebbe stata bassa. Tuttavia, solo allora si sono resi conto che non potevano avviare la pompa che avevano portato dalla mattina, quindi hanno acquistato una pompa più piccola che chiaramente non era adatta per un lavoro che avrebbe dovuto essere fatto in modo diverso comunque (avrebbero "spinto" via la sabbia proprio lungo il brevissimo molo invece di rimuoverlo da un'area più ampia).

1 febbraio – Marina Puerto Azul

Abbiamo quindi deciso di indagare con il vicino porto turistico la possibilità di soggiornare in sicurezza presso uno dei loro ormeggi. Dopo aver ricevuto rassicurazioni che questo era il caso (incrociando le dita…), abbiamo chiesto il rimborso di quanto già pagato a Puerto Azul. Il manager di turno ha confermato che avremmo ricevuto un rimborso completo, quindi ci siamo immediatamente trasferiti al porto turistico dello Yacht Club, dove abbiamo lasciato la barca per 3 settimane mentre visitavamo il Nicaragua e la regione di Guanacaste in Costa Rica.

3 febbraio – Yacht Club Marina

Da Golfito a Quepos (160 nm)
Nicaragua e Costa Rica via terra

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *