Dopo aver attraversato il confine tra Panama e Costa Rica, abbiamo trascorso la notte ancorati in una baia ampia e poco profonda nelle acque del Costa Rica.

8 gennaio – alba a Playa Bonita, Costa Rica

La mattina successiva, 8 gennaio, siamo arrivati a Golfito, un golfo molto protetto all'interno del più ampio Golfo Dulce. Abbiamo deciso di trascorrere qualche giorno nel porto turistico di Banana Bay dove Claudia, la marina manager, ci ha gentilmente informato su come affrontare le formalità per il check in Costa Rica e ha descritto le attrattive della zona, tra cui diversi parchi naturali e il duty free zona.

Marina di Banana Bay

Dopo settimane di vita solitaria in luoghi selvaggi e per lo più disabitati, ci siamo sentiti improvvisamente catapultati di nuovo nella civiltà! Le formalità per il check-in ci hanno imposto di spostarci in luoghi diversi (l'ufficio immigrazione, la dogana e l'autorità portuale) e ci hanno preso la maggior parte del pomeriggio. Poi, abbiamo cenato nel ristorante del porto turistico che è stato indicato come uno dei migliori di Golfito; abbiamo festeggiato il compleanno di Gemma gustando un ottimo pasto e una bottiglia di buon vino bianco. La mattina seguente abbiamo ricevuto la visita dell'ispettore sanitario che, dopo un veloce controllo al nostro frigo, ci ha descritto con entusiasmo le bellezze naturali dei luoghi che ci circondano e soprattutto la fauna: diverse specie di scimmie, i pappagalli rossi facilmente individuabili ( Ara macao) e ci ha suggerito alcune passeggiate nei dintorni di Golfito. Così, non appena è partito, abbiamo deciso di seguire i suoi consigli e abbiamo raggiunto in taxi il Parque Naranjal. Si tratta di un piccolo parco naturale ai margini del paese, subito dopo la pista di atterraggio utilizzata dai piccoli aerei turistici. Abbiamo seguito un sentiero che ci ha portato ad uno stagno di acqua dolce dove due ragazzi erano in piedi armati di macchina fotografica e binocolo. Dato che eravamo curiosi, abbiamo chiesto loro cosa avessero notato; loro, una coppia svizzera, ci hanno spiegato che il giorno prima, nello stesso posto erano circondati da decine di scimmiette e avevano visto, nel folto del bosco un tucano. Invitandoli per una così “straordinaria esperienza naturalistica”, abbiamo continuato a camminare sperando di essere fortunati come loro. Purtroppo non è stato così, anche se ci siamo davvero goduti una passeggiata molto bella. Quando abbiamo raggiunto la strada principale, all'improvviso abbiamo avvistato un tucano che ignorava il rombo degli aerei in partenza; abbiamo iniziato a sviluppare una teoria in base alla quale gli animali selvatici di fatto preferiscono la vita urbana.

9 gennaio – Tucan vicino al Parque Naranjal

Siccome era ora di pranzo abbiamo deciso di recarci nel vicino ristorante di un altro porto turistico di Golfito, un posto un po 'più lussuoso di quello dove eravamo attraccati. Durante la scelta del nostro tavolo, abbiamo visto la coppia svizzera che avevamo incontrato a Las Secas, i proprietari del catamarano Kianga, che ci hanno accolto al loro tavolo. Abbiamo parlato delle nostre rispettive storie da quando ci siamo incontrati a Las Secas e dei nostri progetti futuri. Stavano per lasciare la barca a Golfito per un paio di mesi e poi riprendere il viaggio verso il Mar di Cortez. Dato che stavano per noleggiare un'auto per visitare la zona vicina, ci hanno invitato ad unirci e abbiamo prontamente accettato. Abbiamo deciso di partire tra due giorni. Nel frattempo abbiamo passato una giornata a camminare per 14 km per raggiungere “Las Torres”, che abbiamo scoperto non essere antiche torri ma bensì modernissime torri d'antenna. Tuttavia, ci siamo goduti un fantastico paesaggio di Golfito e abbiamo avvistato il nostro secondo tucano.

11 gennaio – In viaggio verso Las Torres – Veduta di Golfito

11 gennaio – In viaggio per Las Torres – Un diverso tipo di tucan

Domenica mattina Daniela e Beat, la coppia svizzera, sono venuti a prenderci al porticciolo e siamo partiti verso San Vito, un piccolo paese fondato da coloni italiani negli anni del secondo dopoguerra. Alla ricerca della strada per arrivare ad una piccola chiesa sulla collina, siamo finiti in una villa che abbiamo scoperto includere la chiesa come parte della proprietà. Siamo stati accolti da Cecilia, una donna che ci ha stupito per la sua personalità e l'atteggiamento molto accogliente, e che abbiamo scoperto essere la figlia del fondatore di San Vito. È stato molto piacevole ascoltare la storia di suo padre, un ufficiale della Marina Militare italiana, che si è innamorato della gentilezza del Presidente del Costa Rica che ha incontrato a una festa ufficiale. La seconda guerra mondiale interruppe la loro storia d'amore, ma sette anni dopo si incontrarono di nuovo a Parigi, si sposarono e si trasferirono in Costa Rica; in seguito fondò la colonia italiana di San Vito, dove gli immigrati provenienti dall'Italia potevano prosperare grazie alle piantagioni di caffè.

13 gennaio – Cecilia Sansonetti (centro), Daniela & Beat, noi

13 gennaio – La chiesa privata che sovrasta San Vito

Il giorno successivo siamo andati ad Altamira, dove abbiamo incontrato Pancho Quesada, un artista che segue le orme di Gaudì in modo molto personale. Ci ha invitato a visitare il suo “atellier”. Siamo rimasti affascinati dal numero di oggetti che raccoglie per creare i suoi manufatti.

14 gennaio – Pancho Quesada

14 gennaio – Il posto di lavoro di Pancho

14 gennaio – Una gelateria disegnata da Pancho

Su suo consiglio, siamo andati a visitare il popolo Boruca, una tribù indigena di oltre 2500 membri, noti per la loro arte e artigianato, principalmente maschere in legno di balsa dipinte e opere tessili. Abbiamo visitato il loro piccolo museo e abbiamo assistito ad alcune dimostrazioni dal vivo della produzione tessile.

14 gennaio – Un bambino Boruca molto carino

Il giorno dopo ci siamo recati a Puerto Jimenez dove, passeggiando per le strade, abbiamo sentito il suono inconfondibile di alcuni Scarlet Macaws (Ara Macao, un grande e colorato pappagallo tipico della zona) seduti su un ramo sopra di noi.

Abbiamo camminato per una decina di minuti e in un boschetto a poche centinaia di metri fuori dal paese, ci siamo goduti uno spettacolo incredibile di hawler e scimmie scoiattolo che saltano tutt'intorno. Questa zona è infatti abbastanza vicina al parco del Corcovado, uno dei parchi più importanti della Costa Rica.

15 gennaio – Scimmia scoiattolo a poche centinaia di metri dal molo di Puerto Jimenez

Abbiamo quindi programmato di tornare per una visita guidata della zona circostante. Un paio di giorni dopo abbiamo preso un traghetto da Golfito a Puerto Jimenez dove avevamo organizzato un autista e una guida per venirci a prendere al molo. Dopo una mezz'ora di viaggio abbiamo parcheggiato l'auto e proseguito a piedi. Durante questa passeggiata di mezza giornata abbiamo potuto avvistare molti uccelli e scimmie. Di seguito è riportato solo un piccolo esempio!

17 gennaio – Un picchio

17 gennaio – Scimmia ragno

17 gennaio – Scimmia Hawler

Quando siamo tornati sulla barca abbiamo deciso di occuparci di un problema mai risolto con la nostra vela principale, che continuava a strapparsi a causa del caldo, per il quale non è progettata … Dopo un'indagine approfondita ci siamo resi conto che la nostra opzione preferita – sostituirla – non era fattibile in Costa Rica a causa dei costi oltraggiosi associati. Abbiamo quindi deciso di acquistarlo in Italia e trasportarlo in valigia! Quindi abbiamo dovuto lavorare su una vasta riparazione temporanea …

Toppe estese sulla vela principale

Gli ultimi giorni a Panama (120 nm)
Da Golfito a Quepos (160 nm)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *