Tiadup - Lemmon Cays

Tiadup – Lemmon Cays

Ci siamo svegliati tra Miriadup, Naguarchirdup e Tiadup, un bellissimo set di "dup", "isola" in lingua kuna. La giornata è stata bellissima, soleggiata e quasi senza vento. Abbiamo quindi deciso di cogliere l'occasione per salire sull'albero per provare a riparare la luce dell'ancora, che non si accendeva. Gemma ha tirato Sergio in cima all'albero maestro, dove ha trascorso quasi un'ora appeso alla fune, decidendo alla fine di rimuovere l'intero gruppo lampada e di acquistarne uno nuovo una volta tornato a Roma.

Naguarchirdup - Lemmon Cays

Naguarchirdup – Lemmon Cays

Tiadup dalla parte superiore dell'albero

Tiadup dalla parte superiore dell'albero

Zoe dalla cima dell'albero

Zoe dalla cima dell'albero

Dopo questa esercitazione, ci siamo goduti un giro in gommone delle isole vicine, rendendoci conto di quanto siano belle ma anche di quanti "non ci vediamo" che ospitano! Chagra, je-jen o no-see-'em (abbreviazione di "non le vedi") sono parole diverse che identificano mosche estremamente piccole che byte e lasciano molte bolle molto graffianti per circa una settimana. I comuni repellenti e le zanzariere sono inutili; la miglior difesa è scappare il più velocemente possibile quando ti rendi conto che stai diventando cibo per loro. Il problema è che non c'è modo di sapere in anticipo se l'isola è infestata da questi insetti, in quanto dipende dal vento e da altre variabili a noi oscure.

 

Kagandup - Lemmon Cays

Kagandup – Lemmon Cays

Il giorno successivo abbiamo deciso di partire dirigendoci verso le isole Lemmon orientali.

Isole Carti (arcipelago di San Blas)
Isole Lemmon orientali

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *