Siamo entrati nella lunga baia che porta alla città di Santiago de Cuba intorno alle 22:00 del 31 marzo. Durante la navigazione nel canale galleggiante che segnalava il sentiero per il porto turistico, siamo stati accolti allegramente dai numerosi pescatori che andavano nella direzione opposta per una notte di lavoro. Dopo diversi tentativi, siamo riusciti a tenere l'ancora sul fondo fangoso vicino al porto turistico. La mattina seguente siamo stati svegliati da qualcuno che ha bussato allo scafo: era l'ufficiale medico che veniva a ispezionare le nostre provviste e indagare su questioni legate al nostro stato di salute. Ci ha anche dato alcuni consigli su come trattare l'acqua, proteggerci dalle zanzare, ecc.
Questa è stata solo la prima di numerose autorità che sono salite a bordo. Dopo essersi trasferiti al molo, gli ufficiali della dogana, dell'autorità portuale, dell'immigrazione e della prevenzione della droga hanno ispezionato a fondo ogni angolo della barca, dandoci finalmente il "despacho" per navigare nelle acque cubane.

Autobus dal porto turistico al centro città

Dopo aver rispettato le procedure burocratiche, abbiamo preso un autobus pubblico per il centro città. Questo è stato il nostro primo incontro colorato con l'atmosfera cubana: l'autista del bus ci ha accolto con un grande sorriso, muovendosi al ritmo della musica salsa che suonava in sottofondo.
Arrivati in centro abbiamo avuto la fortuna di incontrare un professore universitario che lavorava al Centro Studi di Antonio Macheo, eroe della Guerra d'Indipendenza contro la Spagna di fine Ottocento.
Ci ha invitato a casa sua e ci ha regalato copie di riviste dove ha pubblicato articoli sulla storia cubana. Abbiamo passato la serata insieme terminando alla Casa della Trova, un luogo dove suonano musica tradizionale cubana.
È stata un'ottima introduzione a Santiago, che abbiamo esplorato in modo più approfondito nei giorni successivi, riempiendo la nostra riserva di cibo con verdure e frutta locali che finalmente abbiamo potuto trovare di produzione locale e ad un prezzo molto economico.

Musica e balletto in strada

Cimitero di Santa Ipifenia

Siamo rimasti colpiti dall'atmosfera vivace della città che è la provincia più caraibica di Cuba. La musica era ovunque in qualsiasi momento della giornata, con persone di ogni età e status che ballavano per le strade. D'altra parte, l'elevato livello di povertà è diventato abbastanza evidente camminando per le strade.
Santiago ha edifici notevoli dell'età coloniale, diversi musei e siti storici che testimoniano il periodo della rivoluzione. Abbiamo avuto la possibilità di visitare il cimitero di "Santa Ifigenia", dove sono sepolte importanti figure della storia cubana, tra cui Fidel Castro.

Castillo el Morro

Facendo un breve viaggio in traghetto dal porto turistico, abbiamo visitato l'isolotto di Granma e il Castillo El Morro, costruito dagli spagnoli nel XVII secolo per proteggere Santiago dall'attacco dei pirati finanziato da Francia e Inghilterra.
Il 5 aprile abbiamo incontrato Clara, una nostra amica arrivata dall'Italia, al Parque De Cespedes.

La mattina seguente abbiamo lasciato il porto turistico dirigendoci verso Chivirico, un piccolo villaggio a sud ovest di Santiago. Abbiamo gettato l'ancora in una laguna molto protetta – con un accesso che batte il cuore – abbiamo quasi toccato il fondo di sabbia proprio all'ingresso!

Civirico – Il molo dei pescatori

Chivirico – Cine Guama

Il giorno seguente abbiamo lasciato il nostro gommone al molo dei pescatori per fare un po 'di approvvigionamento al mercato locale di frutta e verdura. Potremmo riempire il nostro frigo vuoto di melanzane, peperoni, cipolle, cetrioli, banane e pomodori per un totale di 4 CUC (1 CUC = 1 euro).
Quando siamo tornati al molo abbiamo avuto un infarto non vedendo il nostro gommone dove lo avevamo lasciato! Qualche pescatore ha esortato a rassicurarci che la "guardafronteras" (guardia costiera) l'ha presa in prestito per raggiungere un'altra barca a vela ancorata vicino a Zoe. Abbiamo pazientemente aspettato il loro ritorno aspettandoci qualche controllo, soprattutto perché ci hanno detto che non potevamo sbarcare a Chivirico. Inaspettatamente si sono vergognati, ci hanno ringraziato per l'uso del gommone e ci hanno aiutato a caricare le nostre merci augurandoci un viaggio sicuro.
Siamo partiti comunque diretti a Marea del Portillo che è stata definita una vivace località turistica. Per noi è stata una comoda sosta durante il nostro viaggio verso ovest. Abbiamo esplorato il minuscolo villaggio costituito da case molto povere; siamo stati davvero toccati da un uomo che ci ha invitato a casa sua offrendoci in regalo una piccola confezione di caffè e tante cipolle, rifiutando qualsiasi denaro ma chiedendo degli indumenti usati che potevamo lasciare. Siamo stati anche colpiti nel vedere un negozio riservato alle persone che espongono la "libreta" – un'indennità per i bisogni alimentari di base, come pane, latte, ecc. Abbiamo lasciato il villaggio con una sensazione di dolore e impotenza.

Cabo Cruz – Ristorante

Abbiamo continuato verso Cabo Cruz, l'estremità occidentale della costa su cui stavamo navigando. Ancorammo di notte nella baia molto riparata di fronte al faro – costruito nel 1871. Al mattino siamo stati svegliati dai colpi delle "guardafronteras" che volevano controllare il nostro "despacho" – l'autorizzazione a solcare le acque cubane. Con un atteggiamento molto amichevole, hanno consigliato di visitare il piccolo villaggio e di pranzare nell'unico ristorante del villaggio. Abbiamo mangiato bene per meno di 5 euro per 3 persone, comprese le birre che abbiamo pagato il doppio del cibo stesso. Sulla via del ritorno al gommone ci hanno offerto a un prezzo molto conveniente alcune aragoste – siamo tornati alla barca con la nostra cena! Nel pomeriggio abbiamo fatto un po 'di snorkeling nella vicina barriera corallina, dove abbiamo potuto ammirare una grande varietà di coralli.

Turks e Caicos
Cuba - Dai Jardines de la Reina a Cienfuegos

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *